IMC annuncia il successo dell’importazione di cannabis medica dalla Spagna in Israele da parte di Focus Medical

IMC ha annunciato che il suo partner Focus Medical ha importato con successo cannabis medica dalla Spagna in Israele. L’azienda prevede di distribuire l’80% dei prodotti tramite consegna a domicilio e il restante 20% tramite un punto di distribuzione esistente. Fino a quel momento, la società prevede di importare volumi aggiuntivi di cannabis medica da partner di fornitura in Spagna, Canada e altrove. Nel frattempo, Focus continuerà a collaborare con IMCA per sviluppare i canali di distribuzione in Israele.

Con l’aumento del numero di consumatori di cannabis medica in Europa e Israele, aumenterà anche la domanda di prodotti a base di cannabis. Questa richiesta guiderà ulteriormente la concorrenza tra la Società ei suoi concorrenti. Inoltre, un’importazione di successo aiuterebbe anche l’attività della Società. Il suo successo darebbe origine a un numero crescente di prodotti diversificati e strategie di prezzo differenti. IMC trarrebbe quindi vantaggio da questa opportunità per espandere la propria presenza internazionale e aumentare la propria quota di mercato.

Il successo dell’importazione di cannabis medica in Israele dimostra l’impatto positivo della certificazione IMCA-GDP. Secondo i regolamenti, un permesso di esportazione sarà concesso solo dopo che il richiedente si sarà assicurato la fornitura nazionale di cannabis e avrà una licenza commerciale valida rilasciata dall’IMCA. Il processo per ottenere un permesso di esportazione è attualmente in corso. Il periodo di richiesta per i permessi di esportazione scadrà alla fine del primo trimestre del 2021.

Oltre a IMC-IMCC, il successo dell’importazione di cannabis medica dalla Spagna in Israele da parte di Focus Medical sottolinea l’importanza di stabilire la proprietà intellettuale e il riconoscimento del marchio nel mercato israeliano. Sebbene l’azienda abbia importato con successo cannabis medica in Israele, dovrà affrontare la dura concorrenza nel mercato israeliano da parte di una serie di coltivatori e fornitori autorizzati di prodotti a base di cannabis medica.

Adjupharm, una società tedesca di cannabis medica, ha stipulato un accordo di fornitura con Northern Green Canada Inc. attraverso il quale importerà tre nuovi ceppi di cannabis medica. Adjupharm acquista i suoi prodotti coltivare cannabis italia per il mercato tedesco da fornitori EU-GMP. La società prevede di iniziare la fornitura da NGC nel secondo trimestre del 2021. La licenza di importazione tedesca è già stata concessa a Focus Medical e ai suoi partner.

IMC è attiva nel settore della cannabis medica dal 2008 e ha sviluppato processi proprietari nelle sue operazioni. Concedendo in licenza il proprio marchio in Israele, l’azienda prevede di espandere i propri sforzi di distribuzione e marketing a livello internazionale. Il marchio di IMC fungerà da risorsa di branding unica che attirerà investitori in tutto il mondo. Aumenterà inoltre la liquidità delle sue Azioni Ordinarie. Inoltre, la quotazione al NASDAQ di IMC aiuterà a ottimizzare i suoi costi di capitale.

Il processo legale in Israele è regolato dall’IMCA, l’Agenzia per la cannabis medica. Sebbene l’agenzia non sia responsabile dell’importazione di cannabis medica dalla Spagna, rilascerà permessi ai pazienti che si qualificano. L’IMCA ha stabilito un elenco di condizioni mediche che possono essere curate dalla cannabis medica e questo elenco viene aggiornato di volta in volta. I pazienti con condizioni non elencate nell’elenco possono richiedere deroghe per motivi straordinari. IMCA richiede che il richiedente segua le procedure della Procedura 106.

Il successo dell’azienda dipende dalla sua capacità di assicurarsi partner di distribuzione e fornitori. La capacità della Società di garantire queste relazioni dipenderà dalla capacità di produrre prodotti desiderabili ed efficaci. Dipenderà anche dal fatto che sia in grado di soddisfare i requisiti delle autorità di regolamentazione e attuare con successo nuovi piani di partenariato. La mancata protezione di questi partner o fornitori avrà un impatto negativo sulla condizione finanziaria e sui risultati del Gruppo.

Nell’ambito della transazione Trichome, Focus Medical importerà 1.200 chilogrammi di cannabis medica premium dai produttori autorizzati del Canada. TJAC è una filiale di Trichome Financial Corp., che possiede anche MYM. Attraverso l’accordo, IMC intende espandere le sue operazioni all’industria canadese della marijuana ricreativa. Nel frattempo, la società prevede di aumentare la quantità di cannabis medica che esporta in Israele.

I controlli di qualità di IMC sono una delle sue massime priorità. I suoi controlli di qualità e il programma di formazione aiutano il Gruppo a garantire prodotti coerenti e di alta qualità. I sistemi di controllo della qualità di IMC garantiscono il rispetto di linee guida rigorose. marijuana in Italia Sebbene disponga di procedure rigorose, non vi è alcuna garanzia che un fornitore segua le regole. Non è possibile garantire che un produttore rispetti gli standard IFRS e, in tal caso, potrebbe essere responsabile della responsabilità del prodotto e di altri rischi.

Le Hawaii hanno appena depenalizzato la marijuana

Lo stato delle Hawaii ha appena depenalizzato il possesso di piccole quantità di marijuana. La legge rende legale per le persone di tutte le età di assumere fino a tre grammi di droga, anche se questo non è ancora diventato una realtà. Tuttavia, le persone possono comunque affrontare una multa di $ 130 marijuana Italia per il possesso di marijuana, anche se l’importo è inferiore al limite legale. Il disegno di legge è stato approvato dal Senato dello stato senza l’aiuto del governatore democratico David Ige, che si è opposto alla legge e ha votato contro i dispensari di negozi nel programma medico dello stato.

Sebbene la nuova legge sia un gradito cambiamento, la legge non è ancora in vigore. Sebbene la nuova legislazione consenta la coltivazione di piccole quantità di cannabis, gli operatori sanitari dei pazienti qualificati non potranno più coltivare la pianta da soli. Ciò impedirà la coltivazione di marijuana nelle isole prive di un dispensario. Indipendentemente da ciò, ci sono ancora una serie di altre restrizioni per la coltivazione o il possesso di erba per uso personale.

L’anno scorso alla Hawaii House sono stati presentati numerosi progetti di legge sulla legalizzazione. Nessuno di loro ha ricevuto un voto o un’audizione pubblica. Il governatore resta contrario alla legalizzazione. Il fatto che il 73% degli hawaiani sia favorevole alla legalizzazione è una statistica importante. È importante incoraggiare i legislatori statali a sostenere questa iniziativa. Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti per rimanere aggiornato sugli ultimi sviluppi. Il governatore dello stato ha anche promesso di firmare i disegni di legge nel prossimo futuro.

Nonostante queste sfide, le Hawaii hanno recentemente depenalizzato la marijuana per piccole quantità. Secondo HB 1383, il possesso di meno di 3 grammi di cannabis non è più un reato penale. Secondo la nuova legge, il possesso di marijuana fino a tre grammi in meno comporterà semi cbd autofiorenti legali comunque una multa di $ 1.000. Sarà anche possibile presentare una petizione per la scarcerazione attraverso un programma di trattamento della droga o la cancellazione dei loro precedenti in caso di condanna. Ma questa legge non è ancora in vigore nello stato.

Dopo l’approvazione della legge, lo stato potrebbe iniziare a legalizzare la marijuana nei prossimi anni. Non è ancora chiaro se passerà completamente, ma ha ancora molta strada da fare. La legge richiederà ai governi statali e locali di attuare la riforma. Nel frattempo, tuttavia, i pazienti con cannabis medica continueranno a essere legali alle Hawaii. Lo stato sta lavorando a un disegno di legge che semplificherà la legalizzazione della cannabis in futuro.

Lo stato ha anche legalizzato la marijuana. La legge consentirà ai pazienti di fumare o svapare marijuana, ma non sarà venduta al pubblico. C’è solo un’eccezione: la vendita di marijuana per uso personale è illegale per scopi non medici. La legge non lo vieterà alle Hawaii, ma ne consentirà l’uso. Non sarà legalizzato nello stato a breve. Non ci sono restrizioni sulla quantità di cannabis medica che una persona può possedere.

La nuova legge non riguarderà tutti noi. Influirà solo sulle leggi degli altri stati. Ci saranno ancora molte persone in grado di acquistare e utilizzare legalmente la marijuana alle Hawaii. Ci saranno molti vantaggi. La nuova legge aiuterà coloro che sono malati o che soffrono di dipendenza a evitare il carcere. Oltre a ridurre il costo della marijuana medica, lo stato consentirà anche un maggiore accesso del pubblico alla droga.

Lo stato è stato un pioniere nella legalizzazione della marijuana. Il disegno di legge è passato sia alla Camera che al Senato senza la firma del governatore David Ige. A differenza di altri stati, le Hawaii saranno il primo stato a depenalizzare la marijuana per scopi medici. Di conseguenza, sarà legale per coloro che soffrono di malattie mentali o dipendenze. Inoltre, contribuirà a migliorare la salute pubblica. Questa legislazione renderà legale per le persone l’acquisto del farmaco.

Il disegno di legge è stato contrastato dal dipartimento di polizia di Maui, dal dipartimento statale dei trasporti, dal dipartimento di polizia di Honolulu, dall’Hawaii Family Forum e dalla Coalition for a Drug-Free Hawaii. Il disegno di legge ha superato una prima udienza in commissione e ora passerà alla Camera per la votazione finale. Se passa alla Camera, il disegno di legge entrerebbe in vigore immediatamente. Se il disegno di legge passa al Senato, andrà alla Camera senza firma.

L’ex presidente della Camera John Boehner si unisce al consiglio della Marijuana Company

Di recente, John Boehner è entrato a far parte del consiglio di un’azienda di marijuana. Sebbene Boehner non sia un consumatore di cannabis, è diventato un improbabile alleato per i sostenitori delle riforme. Oltre alla sua recente iscrizione al consiglio, l’ex presidente della Camera fa anche parte del consiglio di Reynolds American, la società che produce marchi di sigarette come Marlboro. Sebbene non sia un consumatore di cannabis, è un ex lobbista dell’industria del tabacco che ha accumulato diversi seggi nel consiglio e probabilmente guadagna un reddito pensionistico a sette cifre.

Due delle aziende che sono riuscite a portare erba legale a consumatori e pazienti hanno recentemente annunciato che stanno reclutando ex membri del Congresso per far parte dei loro consigli. L’ex presidente della Camera John Boehner si unisce al consiglio di Acreage Holdings, una società multistatale di cannabis che ha licenze in 11 stati degli Stati Uniti. Acreage ha la più grande impronta di qualsiasi azienda legale di erba nel paese. Boehner e Bill Weld hanno entrambi sostenuto l’allentamento delle normative federali sulla marijuana.

Acreage Holdings è una società di marijuana fondata dall’ex presidente della Camera John Boehner. L’azienda mira a normalizzare il settore, fornendo al contempo prodotti legali per i consumatori. Il consiglio della società comprende anche l’ex governatore del Massachusetts Bill Weld. I due hanno contribuito a plasmare il corso politico di questo paese per decenni, ma ora hanno una prospettiva unica su un’industria in rapida crescita.

In qualità di membro del consiglio di amministrazione di Smart Approaches to Marijuana, Boehner sta tentando di evitare le insidie di un’azienda legalizzata di marijuana. La posizione di Boehner non sorprende visti i suoi marijuana Italia legami con Big Tobacco e l’industria della cannabis. Ma non sembra preoccuparsi della mancanza di ricerche sul farmaco. Sebbene possa essere preoccupato per i rischi della legalizzazione, sembra essere ottimista.

Sebbene Boehner si sia sempre opposto alla legalizzazione della marijuana, ha cambiato tono dopo aver visto un amico ottenere sollievo dal mal di schiena con la cannabis. Sebbene sia improbabile che la sua passata opposizione alla legalizzazione gorilla glue italia venga annullata, crede che il farmaco possa aiutare le persone ad affrontare il dolore cronico e il disturbo da stress post-traumatico. È importante notare che i divieti sulla marijuana rimangono un ostacolo alla ricerca e non vuole farne parte.

In qualità di ex presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, John Boehner una volta si oppose alla legalizzazione della marijuana. Tuttavia, ha cambiato idea sulla marijuana ed è entrato a far parte del consiglio di amministrazione della società di cannabis Acreage Holdings. L’azienda attualmente coltiva marijuana in undici stati e ha ricevuto l’approvazione dalla DEA, e l’ex presidente della Camera ha anche preso parte a un keynote di SXSW.

Acreage Holdings ha recentemente annunciato l’intenzione di fondersi con Canopy Growth, la più grande azienda di cannabis del mondo. L’accordo dovrebbe creare un’organizzazione del valore di $ 18 miliardi, con ogni uomo che guadagnerà fino a $ 20 milioni dalla vendita. Tuttavia, l’accordo non è ancora definitivo. Sia Weld che Boehner hanno ammesso il loro uso passato di marijuana. Successivamente hanno twittato che le loro opinioni si sono evolute e che l’accordo non riguardava le implicazioni politiche, ma un’opportunità per diventare ricchi grazie alla cannabis.

La decisione di John Boehner di entrare a far parte dell’azienda ha implicazioni per la politica statale e federale. Sebbene il decimo emendamento consenta la legalizzazione della cannabis a livello statale, le politiche federali rimangono sfavorevoli. Nonostante ciò, la legge federale classifica ancora la marijuana come sostanza controllata dalla Tabella I. Non è chiaro quali cambiamenti risulteranno da tale cambiamento. In effetti, Boehner ha recentemente ammesso che la rimozione della marijuana dalla lista federale non è la priorità assoluta.

L’America sta regalando l’industria della marijuana medica da 30 miliardi di dollari

Un nuovo rapporto pubblicato da Bloomberg esamina l’approccio del governo federale degli Stati Uniti alla ricerca sulla cannabis. È una storia spiacevole. È chiaro che la cannabis ha un futuro molto più luminoso di quello che cannabis blog ha oggi. Tuttavia, ci sono molti ostacoli che impediscono al mercato di crescere al massimo delle sue potenzialità. In questo articolo, discuteremo gli ostacoli più significativi e cosa si dovrebbe fare per porvi rimedio.

Una delle maggiori sfide per le aziende di cannabis è la raccolta di capitali. Il settore non è attualmente accessibile alle banche e sta affrontando un aumento dei costi di capitale. Mentre i bassi tassi di interesse hanno aiutato le aziende di cannabis a raccogliere fondi a costi inferiori, la Federal Reserve ha indicato che aumenterà i tassi di interesse tre volte nel prossimo anno. Se continua così, le aziende di cannabis potrebbero trovarsi in difficoltà per crescere. Ma devono accontentarsi di ciò che hanno.

Oltre alle questioni legali, le aziende di marijuana hanno bisogno di capitali per continuare a crescere. Il settore è nuovo e molti investitori esitano a investire i propri soldi in esso. Ma l’industria della cannabis è un mercato in crescita e ha bisogno di capitale per rimanere competitivo. Questo è un momento critico per l’industria della cannabis, poiché l’industria è ancora agli inizi. Per crescere negli Stati Uniti, il mercato deve essere più competitivo.

L’industria della cannabis negli Stati Uniti raggiungerà i 30 miliardi di dollari l’anno in vendite e profitti. L’industria della cannabis è legale in 33 stati, tra cui Washington, DC e altri 11 stati. Nonostante ciò, il governo federale non ha reso legale la marijuana. Tuttavia, il settore è in piena espansione e molti legislatori stanno spingendo per la riforma delle leggi sulla cannabis e la legalizzazione a livello federale.

Un nuovo rapporto della società di analisi della marijuana Headset ha stimato che le vendite legali di cannabis raggiungeranno i 30 miliardi di dollari nel 2022. I risultati dello studio si basano su una nuova analisi dei dati degli ultimi due anni. Il suo precedente rapporto, basato sui dati del governo federale, stimava che il mercato avrebbe un valore di 28 miliardi di dollari. Tuttavia, l’ultima previsione tiene conto anche dei mercati della marijuana ricreativa recentemente legalizzati in Connecticut, Alabama e New Mexico.

Nonostante il recente aumento delle vendite, l’industria della cannabis ha dovuto affrontare una serie di ostacoli. Il primo ostacolo è la mancanza di accesso al capitale. Ci sono una serie di ostacoli che rendono difficile per le aziende di cannabis raccogliere fondi. L’industria non è legale nella maggior parte degli stati, quindi sono necessari finanziatori privati per aiutare le imprese. È stato anche difficile ottenere l’approvazione dal governo per un’attività di marijuana medica, che è regolata dalla legge statale.

Sebbene la legalizzazione della cannabis sia un enorme passo avanti verso la legalizzazione della marijuana medica, le barriere all’ingresso nel settore sono numerose. Il primo passo è assicurarsi il finanziamento. Con l’aumento della legalizzazione della marijuana medica, le aziende di cannabis hanno bisogno di un flusso costante di denaro per continuare le loro operazioni. La mancanza di capitale è il più grande ostacolo all’ingresso nell’industria della cannabis. Tuttavia, è possibile per le aziende avviare un’impresa e realizzare un profitto.

Poiché l’industria della cannabis è esplosa negli ultimi anni, ha dovuto affrontare numerose sfide nel mercato statunitense. Solo 18 stati hanno completamente legalizzato l’industria della marijuana medica. Inoltre, la legalizzazione federale della marijuana è ancora controversa. Al contrario, lo stigma della droga non è lo stesso in tutte le comunità. Di conseguenza, è facile trovare clienti. Lavorando con i funzionari eletti e le parti interessate della comunità, un’azienda può raggiungere un pubblico più ampio.

Sebbene il Congresso abbia approvato una legislazione che legalizza la marijuana, la mancanza di controllo normativo impedisce lo sviluppo del settore. Sebbene il sistema finanziario del governo non sia ancora in vigore per la legalizzazione, la riluttanza del governo a coltivare cannabis outdoor consentire a un’attività di cannabis di funzionare senza un adeguato sostegno del governo rappresenta un ostacolo. Attualmente, i regolamenti bancari vietano l’uso di marijuana medica. Queste restrizioni impediscono all’industria della cannabis di accedere al capitale.

Come l’industria della cannabis sta trovando modi per commercializzare attorno alla regolamentazione

L’industria della cannabis sta affrontando una serie di sfide, in particolare il fatto che l’industria è illegale secondo la legge federale. Anche lo stigma associato all’uso della cannabis è una delle principali preoccupazioni. Molti pazienti non si adattano allo stereotipo stereotipato della cultura degli stoner, quindi molte aziende sono alla ricerca di capitali esterni. Per superare questo problema, queste aziende cercano aiuto da investitori privati in Canada. Inoltre, le aziende di cannabis devono navigare nelle acque intricate dell’esportazione e dell’importazione dei loro prodotti, che rimangono illegali negli Stati Uniti.

Sebbene la cannabis sia legale in molti stati, il governo federale la considera ancora una droga di Tabella I. Per questo motivo, molte banche esitano a lavorare con le aziende di cannabis, temendo di perdere il loro status FDIC e il rischio di accuse di riciclaggio di denaro legate al “traffico di droga”. Tuttavia, ciò non significa che l’industria non riesca a trovare un modo per aggirare la regolamentazione. Invece, i dispensari devono imparare a utilizzare strategie di marketing innovative per ottenere un vantaggio competitivo.

Nonostante le rigide normative, i venditori di cannabis stanno trovando modi per commercializzare i loro prodotti intorno alle restrizioni dell’ambiente normativo. Con una strategia mediatica complessa e conforme, le aziende di cannabis possono sfruttare più canali per massimizzare la loro portata. Ad esempio, possono utilizzare un unico concetto creativo su varie piattaforme, come annunci TV, TV connessa e posizionamenti digitali premium. Ciò significa che possono rivolgersi ai consumatori locali ed evitare di essere esclusi dal mercato.

Oltre ai dispensari, le aziende di cannabis stanno sviluppando anche una vasta gamma di altre opportunità commerciali. Alcuni stanno persino offrendo edibili a base di marijuana, mentre altri stanno preparando cime e colazioni. Altre società possono persino limitare la pubblicità dei prodotti a base di cannabis sui loro siti Web e rimuovere qualsiasi pubblicità che viola queste linee guida. L’elenco è infinito. Questo elenco di opportunità innovative è solo l’inizio.

Una delle sfide chiave per le aziende di cannabis è la legalità del prodotto. L’industria sta ancora implementando prodotti e servizi legalizzati. Anche le questioni normative sono una delle principali preoccupazioni per l’industria della cannabis. Sebbene un ambiente semi marijuana torino legale pienamente conforme sia un segnale positivo per l’industria della cannabis, il processo di legalizzazione continuerà ad essere un processo in corso. Indipendentemente da dove opera un’azienda, un mercato legale fiorente sarà importante per il suo successo.

Sempre più spesso, la legalizzazione ha reso possibile alle aziende di marijuana di far crescere il loro mercato senza dover affrontare grandi ostacoli. Nella maggior parte degli stati, i dispensari possono vendere i loro prodotti e servizi purché abbiano contanti a portata di mano. A differenza di molti altri settori, le aziende di marijuana non possono utilizzare conti bancari per archiviare i profitti. Per questo devono investire in forme alternative di capitale. Fortunatamente, le aziende di cannabis possono trarre vantaggio dalla nuova industria legale e sfruttare l’opportunità emergente.

La legalizzazione ha anche cambiato il panorama dell’industria della cannabis. I mercati pubblici hanno fornito capitale all’industria della cannabis e hanno creato un ciclo di clamore. Alcune di queste società non hanno soddisfatto i requisiti legali. Il contraccolpo era meritato, ma la maggior parte delle aziende è riuscita ad arrivare in cima. Inoltre, molte attività di cannabis sono ora oggetto di regolamentazione, il che consente loro di evitare il rischio di essere sequestrate.

L’industria della cannabis è in continua evoluzione. Le leggi stanno diventando più restrittive. Per rimanere rilevante, il settore deve rimanere al passo con le ultime leggi. Deve adattarsi alle mutevoli leggi e stare al passo con la concorrenza. Ma nel frattempo, deve rimanere aperta al pubblico. L’industria della marijuana ha superato con successo questi ostacoli. L’industria della marijuana non è solo conforme, ma ha anche un mercato della cannabis altamente regolamentato.

Sebbene la marijuana rimanga illegale a livello federale, l’industria della cannabis è ancora legale nella maggior parte degli stati. Quindi, non ci sono restrizioni sull’uso della cannabis nei luoghi pubblici. Ma le aziende devono mantenere la loro immagine del marchio e mantenere il messaggio dell’industria della cannabis in mezzo al rumore. L’unico modo per farlo è diventare un leader del settore. Se non sei ancora pronto per fare un enorme investimento nell’industria della cannabis, allora puoi considerare di investire in alcune campagne di pubbliche relazioni.

Come si trapiantano al meglio le piante di marijuana?

Prima di ripiantare le piante di marijuana, assicurati che i loro nuovi vasi siano igienici. Le nuove piante non devono essere annaffiate e il terreno non deve aderirvi. Il recipiente ricevente deve inoltre disporre di uno spazio adeguato e del corretto mezzo di coltura. È importante evitare di disturbare le radici e non disturbare i vasi durante il processo. Lo stress può portare a problemi di sviluppo e può persino trasformare le piante maschili.

Per prima cosa, trapianta la pianta di cannabis in un vaso più grande con una dimensione più piccola. Dopo il trapianto, assicurati di aggiungere terreno fresco nel vaso. Questo sostituirà il terreno perso durante il trapianto. cheese auto Riempi il vaso fino in cima e intorno all’intera pianta. Una volta piantato, annaffia bene il vaso. Non dimenticare di aggiungere ulteriore terreno secondo necessità. Successivamente, è il momento di annaffiare la pianta.

Una volta che il terreno è umido e pronto per la semina, rimuovi la pianta di cannabis dal suo vaso. Estrarre delicatamente la zolla dalla pentola e inserirla in quella nuova. Non dimenticare di annaffiare immediatamente la pianta per compensare la perdita di terreno. Successivamente, trapiantare nuovamente i vasi nei contenitori originali. Un nuovo vaso di terriccio è un ottimo modo per iniziare un giardino di marijuana!

Dopo aver ripiantato la pianta di marijuana, è tempo di preparare i vasi per le loro nuove case. Assicurarsi che il nuovo terreno sia sufficientemente leggero da consentire un drenaggio adeguato. Una volta che hai preparato il vaso, cospargi le micorrize nei vasi per favorire l’assorbimento dei nutrienti e una crescita ottimale. Il terreno deve essere leggermente compatto, non troppo spesso o sottile. Se le radici sono strette, le piante avranno difficoltà a crescere.

Dopo aver preparato il terreno, sposta la pianta di cannabis in un nuovo vaso. Rimuovi con cura il terriccio dalla pentola, quindi mettilo nella pentola. Una volta che il terreno è compatto, la pianta di cannabis può continuare a crescere. Per ottenere i migliori risultati, le piante di marijuana dovrebbero essere trapiantate solo quando hanno raggiunto l’altezza e la larghezza ottimali per la crescita. Tuttavia, alcune varietà potrebbero non sopravvivere in questo ambiente e dovrebbero essere mantenute al chiuso per il resto dell’anno.

Quando trapiantare le tue piante di marijuana, è essenziale scegliere il posto giusto per farle prosperare. La scelta di un luogo adatto per le vostre piante di cannabis è fondamentale sia per la salute che per la sicurezza delle vostre operazioni di coltivazione. Quando trapiantare le tue piante di cannabis dipende dal ceppo, ma è importante conoscere i tempi corretti. Dovrebbe essere facile da spostare e avere un apparato radicale sano.

Dovresti trapiantare con cura le piante di marijuana nel loro contenitore finale. Se non hai intenzione di spostare i vasi all’aperto, è importante mantenere il terreno umido. Per evitare lo stress, il terreno dovrebbe essere il più umido possibile. Per i migliori risultati, i vasi dovrebbero avere un volume di almeno quattro galloni. Puoi anche trapiantare le tue piante di cannabis in un contenitore più piccolo per coltivarle in un’area più ampia.

Le giovani piante dovrebbero essere trapiantate quando le loro radici hanno iniziato a spuntare dal fondo dei loro vasi. Le radici della pianta dovrebbero essere bianche e visibili. Se le radici sono gialle o marroni, la pianta è malata e deve essere trapiantata. A seconda del ceppo, trapiantare una pianta di cannabis non è sempre un processo semplice. Ci vuole un po’ di tempo, ma alla lunga ne varrà la pena.

Prima di trapiantare le tue piante di cannabis, dovresti annaffiarle bene. Assicurati che la zona della radice sia la più ampia possibile. Ciò eviterà che le radici si secchino. Questo ti permetterà anche di monitorare la loro crescita. Per le giovani piante di cannabis, il momento migliore per trapiantare è quando le loro radici iniziano a spuntare dal fondo del vaso. Il colore della radice può indicare lo stato di salute della pianta. Se le radici sono di un bianco brillante, sono sane. Se sono gialli o marroni, sono malati e devono essere rimossi.

Il markup del comitato della Camera ha annunciato di porre fine al divieto di marijuana

Un comitato della Camera ha annunciato un markup del disegno di legge per porre fine al divieto di marijuana. La legislazione, sponsorizzata dai rappresentanti Earl Blumenauer e Barbara Lee dell’Oregon, depenalizzerebbe la marijuana a livello federale. Lo eliminerebbe dalla legge sulle sostanze controllate. Si applicherebbe anche retroattivamente a precedenti condanne e concederebbe fondi a dispensari con licenza statale. La misura richiederebbe ai tribunali federali di condurre udienze di espunzione per i prigionieri e depenalizzare la cannabis per coloro che vogliono usarla per scopi non medici.

Il disegno di legge include anche un linguaggio che renderebbe più facile per i governi statali e locali riconoscere le attività di marijuana come legittime. Proteggerebbe gli immigrati dalla negazione della cittadinanza a causa di condanne sulla marijuana. Impedirebbe alle agenzie federali di negare benefici alle persone a causa dell’uso di droghe. Garantirebbe inoltre che le persone che fanno uso di marijuana non siano discriminate a causa della loro razza, origine nazionale o religione. Infine, il disegno di legge include disposizioni bipartisan a sostegno della legalizzazione.

Il disegno di legge consentirebbe la vendita al dettaglio di cannabis. Un rivenditore è tenuto a mostrare un cartello o un cartellino del prezzo per ogni articolo di cannabis. Un licenziatario non deve consentire l’attività illecita di droga o gioco d’azzardo nei propri locali. Inoltre, le strutture di erogazione autorizzate per adulti devono fornire materiali e risorse educative per educare i consumatori sull’uso sicuro della marijuana. Questo disegno di legge ha ricevuto il sostegno bipartisan dei legislatori e probabilmente passerà alla Camera.

Il Marijuana Opportunity Reinvestment and Expungement Act è un disegno di legge completo che sarà approvato dalla Commissione giudiziaria della Camera. Il disegno di legge complementare del Senato, S. 635, dovrebbe essere presentato entro la fine dell’anno. Il provvedimento è stato approvato dal Senato il 29 aprile ed è in attesa di esame da parte del Senato. Il 19 novembre 2019 si terrà una conferenza stampa con il presidente del comitato e gli altri membri del comitato.

La Commissione giudiziaria della Camera ha annunciato che l’HR 3884, Marijuana Opportunity Reinvestment and Expungement Act, sarà preso in considerazione mercoledì 20 novembre. Il disegno di legge dovrebbe passare, poiché è stato approvato dall’intera Camera il mese scorso. Un recente sondaggio Pew ha rilevato che il 67% degli americani è favorevole alla legalizzazione della marijuana e ha una data di markup favorevole.

Nonostante i lunghi ritardi nel processo, un’azione importante sulla riforma della cannabis è ancora molto lontana. Indipendentemente dall’esito della conferenza, il MORE Act rimane sull’NDAA, che è un passo importante nel settore dell’erba. Se il Senato lo approva, il disegno di legge passerà alla Camera per l’approvazione definitiva. Se tutto va bene, il disegno di legge sarà approvato questo venerdì.

Il MORE Act era originariamente previsto per essere votato a settembre, ma è stato posticipato fino a dicembre dopo la rinascita del movimento Black Lives Matter. Ma alcuni legislatori hanno temuto l’ottica pre-elettorale e hanno ritardato il disegno di legge. Di conseguenza, il MORE Act è stato ritardato di due settimane. Il dibattito che ne è derivato ha acceso un rinnovato interesse per l’industria della marijuana.

Il MORE Act era originariamente previsto per una votazione a settembre, ma è stato ritardato a causa della rinascita del movimento Black Lives Matter. Il disegno di legge è stato rinviato anche a causa delle preoccupazioni per il Covid-19, che è una droga a base di marijuana. Nonostante il ritardo, tuttavia, la riprogrammazione del conto è stata epocale e gli attivisti stanno festeggiando.

La legge MORE era originariamente prevista per un’audizione presso la commissione giudiziaria della Camera il 16 luglio. Mentre è stata approvata alla Camera, il GOP dovrebbe ora votare sulla legge MORE. Come semi femminizzati o autofiorenti con la legislazione sugli aiuti per il coronavirus, il MORE Act sarà un compromesso e non il conto perfetto. Il disegno di legge è un buon inizio, ma i prossimi passi dovrebbero essere fatti prima del voto.

Alla Camera è stato presentato il disegno di legge che porrà fine al divieto federale di marijuana. Il disegno di legge cancellerebbe la marijuana e consentirebbe agli stati di regolamentare la droga. Inoltre vieterebbe ai criminali l’uso della droga per qualsiasi altro scopo. La misura non contiene disposizioni che assicurerebbero l’equità nel settore legale. Ci sono ancora molti altri progetti di legge al Senato che sono in fase di elaborazione al Congresso per porre fine al divieto federale di marijuana.

La cannabis nell’armadietto dei medicinali

La storia della cannabis può essere fatta risalire al 16° secolo, quando la pianta fu introdotta per la prima volta nel Nuovo Mondo. Era ampiamente usato dagli indigeni come fonte di fibre, e in seguito fu studiato e trasformato in tinture e altri preparati disponibili in farmacia. Il suo uso come medicinale risale a secoli fa e ancora oggi è illegale nella maggior parte dei paesi. Ma la CBC di C, un gruppo di pazienti attivisti, ora si batte per la sua legalizzazione.

Gli scienziati sospettano da tempo che la cannabis possa aiutare a curare molte condizioni, ma fino ad ora è stata utilizzata solo per scopi ricreativi. Il motivo principale per cui può essere considerato un medicinale è la presenza dei composti noti come cannabinoidi, come THC e CBD. Esistono centinaia di questi composti e la maggior parte non è mai stata studiata. La ricerca è in corso, ma non ci sono studi pubblicati sui benefici. I ricercatori sono stati anche in grado di trovare nuovi modi per utilizzare la sostanza per trattare una serie di problemi di salute.

Lo studio più recente del 2015 ha riportato che una singola pillola contenente cannabinoidi ha ridotto la pressione intraoculare. Un effetto simile è stato notato nei bambini con epilessia. Un altro studio ha riportato che la marijuana riduce anche il dolore, la nausea e la depressione. Nonostante la sua controversa reputazione, uno studio a Washington, Colorado e Oregon ha scoperto che ha aiutato i bambini con autismo con i loro problemi comportamentali. Sebbene non sia del tutto chiaro cosa faccia esattamente questo farmaco, ha certamente il potenziale per essere utile per un’ampia gamma di condizioni mediche.

Tra gli altri vantaggi della cannabis c’è il sollievo dai reclami comuni. L’alto rapporto tra CBD e THC lo rende una scelta popolare per i pazienti con determinate condizioni mediche. Harlequin, una varietà a predominanza sativa, contiene un’alta percentuale di CBD, che le consente di alleviare il dolore e l’ansia senza causare intossicazione. Anche se potrebbe non essere efficace come altri farmaci, è comunque un’ottima alternativa ai farmaci da prescrizione.

La ricerca continua a mostrare risultati promettenti nella cannabis medica. Oltre ad alleviare il dolore, il CBD agisce anche come un potente soppressore dell’appetito. Questo può essere utile in diversi modi, inclusa la prevenzione di nausea e ansia, e può essere consumato per via sublinguale o addirittura ingerito. A differenza della marijuana, può essere usata in bocca e ha un’ampia varietà di altri usi medicinali. Se soffri di dolore cronico, la cannabis è un trattamento naturale per molte malattie.

Sebbene la cannabis sia ancora illegale nella maggior parte delle giurisdizioni, i ricercatori sono stati in grado di studiarne gli effetti su un’ampia varietà di disturbi. I suoi effetti sul dolore sono spesso più evidenti che in altre situazioni, ma la marijuana è un potente analgesico, quindi può essere utile per le persone con dolore cronico. Ad esempio, è stato usato per curare mal di testa, dolori muscolari e reumatismi. Gli antichi greci usavano la cannabis in medicina, ma non per gli stessi scopi medici.

L’uso della cannabis è uno sviluppo relativamente recente. È ancora illegale in molti paesi, ma è sempre più utilizzato negli Stati Uniti per scopi medicinali. Tuttavia, sta crescendo in popolarità anche tra i pazienti più giovani, poiché sta diventando https://www.ministryofcannabis.com/it/semi-autofiorenti/auto-white-widow-femminile un’alternativa efficace agli oppioidi. Quindi, dovrebbe essere legale in tutti gli stati. Non è ancora una sostanza che crea dipendenza, ma può ridurre il dolore di un paziente. E può anche essere usato per curare i disturbi mentali.

Ha una lunga storia di relazioni umane con la cannabis. Intorno al 2.500 a.C., la varietà di canapa veniva utilizzata per la fibra e l’olio. Un recente scavo di una tomba nella Cina occidentale ha rivelato la cannabis in un rituale. È chiaro che la cannabis è stata usata per secoli come componente che altera la mente. Il suo uso in medicina è in gran parte legale e ora è allo studio per le sue proprietà analgesiche.

La droga è antica. Il suo utilizzo in Cina risale a 5.000 anni fa. In Cina, il farmacista Shen Nung ha usato la cannabis come anestetico nel suo libro di medicina, Pen-ts’ao Ching. Nel suo studio, lo ha prescritto a pazienti con varie condizioni. Ad esempio, lo prescrisse per curare il beriberi e la debolezza femminile. Poi lo prescrisse a pazienti con reumatismi e gotta.

Gli anziani si sono attaccati all’uso di cannabis per alleviare le condizioni mediche

Secondo un nuovo studio, il numero di americani più anziani che si sono rivolti alla marijuana per alleviare le condizioni mediche dovrebbe aumentare. Gli autori del Drugs and Aging Study, guidati dalla dott.ssa Hillary Lum della University of Colorado School white widow autofiorente coltivazione of Medicine, hanno esaminato gli studi clinici su marijuana e cannabinoidi contenenti THC. Hanno scoperto che la metà dei partecipanti ha riferito di aver usato marijuana ogni giorno. Tuttavia, molti anziani hanno difficoltà a trovare marijuana medica.

I ricercatori hanno anche scoperto che il consumo di cannabis tra gli anziani è aumentato di circa il 180% durante il periodo di studio. Anche se questo è sorprendente, non spiega perché gli anziani si rivolgono sempre più alla cannabis. Particolarmente degno di nota è l’uso della cannabis tra i diabetici. Ma perché gli anziani diabetici usano così frequentemente marijuana? Non è chiaro. La ricerca di Han ha anche trovato una connessione tra le due sostanze. Nel 2015, il 2,9% degli anziani ha ammesso di aver fatto uso di marijuana, mentre il 6,3% di loro ha riferito di averlo fatto nel 2018. Sebbene questi risultati non siano conclusivi, ci sono alcuni risultati interessanti.

Mancano ricerche affidabili sulla sicurezza del consumo di cannabis tra gli anziani. Sebbene la marijuana non abbia effetti collaterali negativi, le prove dei suoi benefici non sono complete. Può interagire con altri farmaci, inclusi anticoagulanti come il warfarin, che sono spesso prescritti agli anziani. I rischi della cannabis sono maggiori per le persone anziane con molteplici problemi medici. È importante parlare con un medico dei rischi e dei benefici dell’uso di cannabis prima di utilizzarla.

L’uso di cannabis tra gli anziani ha mostrato una forte associazione con un minor rischio di infarto, secondo uno studio sul Journal of the American College of Cardiology. Lo studio ha citato un maggiore uso di cannabis negli anziani che consumano anche alcol. I risultati sono particolarmente allarmanti considerando che alcol e cannabis non sono associati ad un aumento del rischio di infarto. I ricercatori hanno anche notato che una percentuale maggiore di anziani che hanno il diabete si sono rivolti alla cannabis per trovare sollievo.

L’uso della cannabis è diventato sempre più popolare tra gli anziani. Statistics Canada ha rivelato che circa uno su quattro dei nuovi consumatori di cannabis era un anziano. I numeri stanno aumentando negli Stati Uniti, man mano che più anziani acquisiscono familiarità con la cannabis, la ricerca suggerisce che è una droga sicura e legale per gli anziani. Lo studio non ha identificato alcuna causa specifica per l’aumento, ma indica un effetto positivo sulle persone anziane con problemi cardiaci.

Sebbene i benefici dell’uso di cannabis siano ben noti, i potenziali rischi non sono completamente compresi. Anche i rischi del consumo di cannabis per scopi medici non sono chiari. Il consumo per inalazione non è raccomandato per gli anziani poiché i loro polmoni non possono far fronte agli effetti del farmaco. Inoltre, non è possibile determinare se l’uso della cannabis possa causare effetti negativi. Lo studio identifica anche gli effetti del farmaco sulle persone con malattie cardiovascolari.

Sebbene la marijuana medica sia stata il principale motore dell’aumento dell’uso di cannabis da parte degli anziani, non è del tutto chiaro quali siano le ragioni dell’aumento. Alcune delle preoccupazioni principali sono legate alla sicurezza di marijuana e alcol. L’uso inalatorio può causare problemi respiratori negli anziani, ma i rischi della cannabis sono minimi. Nonostante queste preoccupazioni, lo studio mostra che la cannabis è una sostanza salutare per gli anziani.

Lo studio è stato basato su un’indagine di 136 anziani in Colorado. È emerso che più della metà dei partecipanti ha avuto difficoltà ad accedere alla cannabis medica. Nonostante la mancanza di informazioni sui benefici della marijuana, molti anziani hanno avuto difficoltà a ottenere la raccomandazione di un medico. Inoltre, lo stigma del consumo di cannabis ha limitato il numero di medici che hanno familiarità con la sostanza. Ciò potrebbe causare ulteriore confusione in futuro.

I dati sulle vendite di marijuana rivelano che gli americani acquisteranno il 71% in più di erba per sopravvivere nel 2020

I dati sulle vendite di marijuana hanno rivelato che gli americani acquisteranno sette volte più erba nel 2020 rispetto al 2016. Gli ultimi numeri mostrano che i consumatori americani hanno classificato la pandemia di Covid-19 come il principale semi autofiorenti cannabis fattore di stress. Inoltre, il quaranta per cento degli intervistati ha affermato di aver usato marijuana o CBD per affrontare il burnout. Inoltre, un terzo degli intervistati ha affermato di considerare la marijuana per alleviare lo stress.

Sebbene la recente pandemia di Covid-19 abbia acceso una maggiore domanda di cannabis, ha anche frenato le vendite in diversi stati. A marzo, ad esempio, il governatore Charlie Baker del Massachusetts ha temporaneamente interrotto tutte le operazioni di vendita al dettaglio. Tuttavia, entro la fine dell’anno, le società di vendita al dettaglio di cannabis nello stato avranno venduto al pubblico prodotti per un valore di 700 milioni di dollari. Queste cifre includono sia i mercati per uso medico che per adulti. Sebbene stati recentemente legalizzati come il Colorado e Washington siano stati determinanti nel boom, il principale motore del boom sono stati i consumatori affermati che hanno acquistato marijuana nei negozi. Ad aprile, l’acquisto medio di un consumatore è aumentato del 33% e a maggio le vendite al dettaglio di cannabis in questi stati raggiungeranno un livello record.

La dipendenza a livello nazionale dalla cannabis ha un effetto positivo sull’economia. Ora è la più grande industria del paese e, nonostante lo stigma, i consumatori ora acquistano più che mai. Il nuovo Congresso sta anche valutando la legislazione bancaria relativa alla marijuana. Il SAFE Banking Act, che mira a fornire servizi finanziari per l’industria della cannabis, ha un sostegno bipartisan ma ha fallito nel Senato controllato dal GOP.

La pandemia di Covid-19 ha colpito gli Stati Uniti a marzo e i governatori statali hanno proclamato la cannabis un prodotto necessario. I dispensari e i negozi al dettaglio hanno intensificato le loro operazioni per soddisfare la crescente domanda. Questi negozi hanno ampliato le loro opzioni di ordinazione online e ritiro sul marciapiede e hanno offerto ai clienti la possibilità di acquistare la loro erba online o sul marciapiede. Inoltre, le persone hanno fatto scorta in attesa di avvisi di permanenza a casa. Nonostante l’accresciuta consapevolezza del farmaco, le vendite nei negozi di cannabis sono rimaste stabili per tutto aprile e maggio.

I dati sulle vendite di marijuana rivelano che gli americani hanno acquistato una quantità record di erba per sopravvivere al 2020. La nuova amministrazione e la maggioranza democratica al Senato degli Stati Uniti dovrebbero scongelare il divieto federale sulla marijuana. Il futuro è luminoso per la cannabis. C’è la possibilità che il Coronavirus sia positivo per alcuni settori e negativo per altri.

La legalizzazione della marijuana negli Stati Uniti è stata una questione controversa. Molti stati hanno preso la decisione di legalizzare la marijuana per scopi medici e da allora molti di questi stati hanno visto aumentare significativamente le loro entrate fiscali. Altri stati hanno già approvato l’uso per adulti e spetta al governo federale decidere se il farmaco è legale. Per ora, starà agli stati decidere.

Sebbene la legalizzazione sia stata approvata in tutti i 50 stati, una parte significativa della popolazione è rimasta ancora negli stati in cui la cannabis è legale. Più di due terzi della popolazione vive in stati in cui la marijuana è legale. Di conseguenza, i dati sulle entrate di questi stati mostrano che gli americani ora usano la droga più che mai. Inoltre, gli Stati Uniti hanno più licenze per dispensari di qualsiasi altro paese al mondo.

L’anno scorso, le vendite di marijuana negli Stati Uniti sono state di 18 miliardi di dollari, un aumento del 71% rispetto all’anno precedente. La legalizzazione della cannabis negli Stati Uniti non è solo vantaggiosa per l’economia, ma è anche un bene per l’economia. È legale in più di 18 stati e si prevede che continuerà a crescere. È anche legale in più stati man mano che il settore cresce. È un ottimo modo per mantenere l’America libera dalla criminalità.

I dati sulle vendite di marijuana rivelano che gli americani hanno acquistato il 71% in più di erba nel 2020 per sopravvivere. Si tratta di un enorme aumento rispetto allo scorso anno e la legalizzazione della marijuana sta aiutando a eliminare il mercato nero. Di conseguenza, i criminali hanno meno soldi da spendere in droghe illegali. Inoltre, la legalizzazione della marijuana aiuta anche l’economia perché abbassa i costi di importazione.